Ripristinata la diretta con la Grotta di Lourdes

io

io

io

Le ultime dalla rete

Liturgia: itinerari

Ascensione di Nostro Signore: omelia di Giovanni Paolo II e discorso di S. Agostino

ascensioneCon l’omelia di Giovanni Paolo II nella solennità dell’Ascensione di Nostro Signore (Lussemburgo, 16 maggio 1985) e col discorso di S. Agostino nella basilica di S. Leonzio sullo stesso tema termina la pubblicazione dei sussidi per la preparazione liturgica alla prossima Domenica (24 maggio).

 

Omelia di Giovanni Paolo II nella solennità dell’Ascensione di N. S. –  Lussemburgo, 16 maggio 1985

1. “Predicate il vangelo a ogni creatura” (Mc 16, 15).

Queste parole del Signore restano valide ogni giorno, da quasi duemila anni. Ma oggi assumono un significato affatto particolare, perché oggi la Chiesa celebra il giorno in cui furono pronunciate per la prima volta: il giorno dell’Ascensione di Cristo.

“Ascende il Signore; gioiscono i cieli” (cf. Sal 47, 6). È anche il giorno del suo congedo dalla terra. Gesù di Nazaret termina definitivamente la sua missione messianica in Israele, il popolo eletto del Vecchio Testamento. Con la sua croce e la sua risurrezione egli ha costituito la nuova ed eterna alleanza. Con la sua carne e il suo sangue ha istituito l’Eucaristia: vittima unica di questa nuova alleanza tra Dio e gli uomini. Ed ecco le sue ultime parole su questa terra. Le rivolge agli apostoli: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo a ogni creatura” (Mc 16, 15).

2. Queste parole del Signore che se ne va sono state osservate dalla Chiesa nel corso della sua storia con coraggio e spirito di sacrificio, e ancora oggi diventano di nuovo realtà. Anche questa regione, dove si trova oggi il vostro Paese del Lussemburgo, era già dai tempi antichi meta dei missionari che annunziarono ai vostri antenati la lieta novella del Signore risorto e asceso. Già nel periodo tardo romano il Vangelo fu annunziato nella vostra regione da soldati e commercianti e da missionari itineranti isolati provenienti da Treviri e da Liegi.

Molti importanti monasteri e abbazie furono fondati qui e svolsero le loro opere benefiche. Voglio ricordare il monastero di Echternach dove viene venerata ancora oggi la tomba del suo fondatore San Willibrordo. Il vostro Paese, nella fedeltà alla fede cattolica dei vostri padri, resse bene alle bufere della Riforma e alle tendenze ostili alla fede e alla Chiesa al seguito della Rivoluzione francese. Frutto ben meritato di questa fede matura e convinta fu la fondazione della diocesi autonoma del Lussemburgo nel 1870. E così voi formate oggi una Chiesa locale pienamente sviluppata; quella Chiesa locale che si è riunita qui per una grande celebrazione di fede alla quale voglio partecipare anch’io come pellegrino e fratello, come Vescovo di Roma e successore di San Pietro.

adorat1Saluto con gioia il vostro vescovo monsignor Hengen, con tutti gli altri vescovi e sacerdoti e religiosi presenti. Saluto con deferenza la famiglia granducale e i rappresentanti del governo e della società. Il mio saluto va infine a tutti voi, all’intero popolo di Dio nel Lussemburgo e ai numerosi ospiti convenuti dalle nazioni confinanti. La mia visita è rivolta a voi tutti. A nome di Cristo voglio incoraggiare e rafforzare voi tutti che, insieme con noi, costruite la grande comunità di quella Chiesa, che sa essere solidale anche con quelli che si sono stancati della loro fede e si sono estraniati dalla vita ecclesiale. Anche a costoro, dovunque seguano la nostra celebrazione eucaristica nella festa dell’Ascensione, voglio estendere il nostro saluto e la nostra mano fraterna. Raccomandiamo loro, e noi tutti che siamo raccolti, davanti alla venerata immagine di Maria, in particolar modo all’intercessione alla “Consolatrice degli afflitti”, alla Madre della speranza e della consolazione per il popolo di Dio pellegrino.

3. Ascensione di Cristo significa ritorno al Padre: “Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo, e ritorno al Padre” (Gv 16, 28).

Dio stesso è entrato attraverso il suo Figlio nella storia del mondo e dell’umanità. In questo modo sostanza del Padre, si è fatto uomo. Per opera dello Spirito Santo è nato dalla Vergine Maria. Ha vissuto la sua vita terrena come vero uomo; ma quest’uomo cresciuto nel mezzo del popolo di Israele, chiamava Dio suo Padre. Poteva dire: “Io e il Padre siamo una cosa sola” (Gv 10, 30). E da questa profonda unione con il Padre insegnò anche a noi uomini a pregare: “Padre nostro . . .”. Questa preghiera contiene inoltre l’intero Vangelo, l’intera lieta novella. Questa lieta novella dice: tu, uomo, hai la tua origine in Dio, e in Dio si trova anche la tua meta finale. In lui trovi la vita eterna.

Questa è la verità che Cristo ci ha rivelato: ha annunziato questo una volta per tutte al suo popolo d’Israele e a tutti gli uomini del mondo. La sua missione messianica si rivela proprio nel fatto che egli è uscito dal Padre e ritorna a lui. Il suo cammino terreno passa così attraverso ogni “cuore umano inquieto”, che cerca e aspetta la salvezza.

Quanto profonde e significative sono le parole che Gesù rivolge al Padre alla fine dei suoi giorni su questa terra: “E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse” (Gv 17, 5). Queste parole parlano della eterna unità trinitaria del Figlio con il Padre nello Spirito Santo. Richiamano anche alla morte di Cristo sul Calvario e annunziano nello stesso tempo che questa morte conduce alla risurrezione. Quella stessa gloria che Dio ha dall’eternità, viene donata ora anche al Figlio dell’uomo, che siede alla destra del Padre.

Per un certo tempo – il Vangelo parla di quaranta giorni – fu rivelata quella gloria del Risorto anche agli uomini, alla giovane Chiesa. Il suo compimento viene raggiunto nella gloria di Cristo quando con la sua Ascensione ritorna definitivamente al Padre.

4. I momenti del congedo prima del ritorno al Padre ci sono descritti negli Atti degli apostoli. Trovandosi per l’ultima volta a tavola con essi, ordina agli apostoli di attendere che si adempia la promessa del Padre, quella che ha annunciato loro: “Giovanni ha battezzato con acqua . . . voi avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra” (At 1, 5.8). Queste parole concordano perfettamente con il comando di Gesù alla fine del Vangelo di Marco: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo a ogni creatura” (Mc 16, 15).

Ecco, con l’Ascensione termina il tempo di Cristo su questa terra e incomincia il tempo della Chiesa. Dieci giorni dopo, alla Pentecoste, questo tempo della Chiesa viene rivelato e annunziato solennemente dallo Spirito Santo, che scende sugli apostoli nel cenacolo di Gerusalemme. Ogni istante di questo cammino della Chiesa attraverso la storia contiene tuttavia le sue radici profonde nella vita e nell’agire messianico di Cristo sulla terra. Incontriamo così sempre di nuovo il mistero dell’Ascensione.

Nel suo pellegrinaggio attraverso i secoli la Chiesa annunzia sempre colui che è uscito dal Padre, è venuto nel mondo, ha poi lasciato il mondo ed è tornato al Padre. È Cristo, il Figlio eterno di Dio, che ora rimane con il Padre come uomo. In questo modo è così diventato la “via” dell’uomo, la via per tutti gli uomini che, tutti senza eccezione, sono chiamati alla sua sequela, sulla via al Padre.

5. Fratelli e sorelle carissimi: la Chiesa del Lussemburgo è chiamata a sua volta a seguire la via di Gesù Cristo; è anch’essa una Chiesa pellegrina. Ma dove si trova oggi? Quale è la sua via nel 1985?

Il vostro Paese, il Lussemburgo, ha saputo superare bene molte difficoltà nel passato e respingere numerose minacce: minacce di guerra, di sconvolgimenti politici, di privazione e miseria. Grazie al vostro dinamismo il tenore di vita è migliorato nel Paese. Un aeroporto, stazioni radiotelevisive, organismi e banche internazionali hanno aperto la vostra città all’Europa e l’hanno resa accogliente per tutti. “Il Lussemburgo appartiene alla società dell’opulenza con i suoi vantaggi, le sue ombre e i suoi eccessi”; così si esprimeva il vostro quarto sinodo diocesano.

Ma oggi, in questo luogo che è stato testimone della prima venerazione dell’immagine della “Consolatrice degli afflitti”, vorrei riprendere alcune importanti domande che vi furono poste dal vostro vescovo nella sua lettera pastorale dello scorso ottobre: “Che ne è della fede e della preghiera nelle nostre famiglie, della santificazione della domenica, della trasmissione della fede alle giovani generazioni? Cosa manca alla nostra comunità di fede, di fronte allo scarso numero delle vocazioni sacerdotali e religiose? La nostra speranza, sale della terra che deve ridare sapore, ossia senso e pienezza alla vita di tanti uomini, sarebbe forse diventata piatta e insipida nel vuoto spirituale della nostra epoca? Le nostre comunità cristiane sono ancora quelle città sulla montagna la cui luce splende agli occhi degli uomini, affinché rendano gloria al Padre che è nei cieli? L’amore che Dio ha per noi, ci apre ancora gli occhi a ciò che deve cambiare nei nostri rapporti umani, affinché la nostra società sia permeata sempre più di giustizia e d’amore?”.

Il Cristo ci ha insegnato a vivere la nostra vita come un cammino verso il Padre. In quanto cristiani, la nostra riflessione e la nostra azione devono guardare continuamente al Dio dei cieli, e devono anche assegnargli il primo posto. “Padre nostro che sei nei cieli”: poiché ci è permesso di dire questa preghiera, riprendiamola senza stancarci. Se contempliamo l’Ascensione di Cristo, se andiamo al Padre nella sua sequela, non è per guardare al cielo come a un sogno, non è per rimanere passivi e dimenticare le nostre responsabilità quotidiane negli avvenimenti concreti. Al contrario, il Padre nostro ci insegna nello stesso tempo a pregare e a fare tutto il possibile affinché la volontà di Dio si compia sin da ora tra di noi, perché “il cielo venga sulla terra”, perché il regno di Dio s’instauri nei nostri cuori, nelle nostre famiglie e nella società.

Ma gli uomini di oggi, accecati dal progresso e dal benessere, volgono spesso il loro sguardo solo verso la terra; non guardano più in là del mondo in cui si chiudono, accettano la secolarizzazione. Si organizza coscientemente il proprio stile di vita in funzione delle sole realtà di questo mondo, senza curarsi di Dio e della sua volontà. È da sempre quella stessa tentazione di dimenticare Dio, o almeno di vivere come se non esistesse (cf. Sap 2, 19). Questa maniera di vivere, nella quale ci si rifiuta di guardare al Padre che è nei cieli, non può tuttavia soffocare l’aspirazione profonda dell’uomo, perché il suo è un destino di eternità. Il suo accecamento lo conduce quindi a nutrirsi d’illusioni, a idolatrare le realtà terrene: ne resta profondamente deluso e assume comportamenti suicidi. Quando l’uomo crede di potersi realizzare con le sue sole forze, mette a tacere il desiderio di Dio che è in lui per dedicarsi alla ricerca insaziabile ed egoistica del piacere.

Ma vorrei essere per voi un messaggero di gioia (cf. 2 Cor 1, 24); nel nome di colui che ci ha promesso la pienezza della vera vita, proprio in questa festa dell’Ascensione di Cristo, vi incoraggio a volgere il vostro sguardo, i vostri pensieri e la vostra ricerca “in alto”, verso Cristo che ci precede. Abbiamo bisogno di questo sguardo volto al cielo, perché ci aiuta a fare buon uso dei beni temporali; non perderemo così il bene eterno, ossia l’amicizia di Dio. Abbiamo bisogno di volgere il nostro sguardo di credenti a Dio, che è il nostro Padre comune. Lui solo ci rende capaci di quella fratellanza così necessaria per avere il coraggio di combattere la fame tra gli uomini, di stabilire la pace nel mondo, di attenuare i conflitti, per vincere il male con il perdono e scegliere la vita piuttosto che la morte.

6. Le parole che Mosè rivolgeva al popolo di Dio nell’antica alleanza conservano il loro valore per noi cristiani: “Io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, perché viva tu e la tua discendenza” (Dt 30, 19).

Il nostro cammino di pellegrini sulla terra esige che scegliamo continuamente tra la “vita” e la “morte”: la vita eterna si trova solo in Dio; da solo, il mondo in definitiva può offrire agli uomini solo la certezza della morte. La fede orienta il nostro sguardo verso il Padre, ci trascina verso di lui attraverso Cristo che ha vinto il mondo. Aprite a Dio la vostra vita, aprite a Dio la vostra vita di ciascun giorno con la preghiera. Pregate ogni giorno il Padre nostro, come i cristiani ebbero consuetudine di fare sin dai primi tempi.

Aprite a Dio la vostra settimana di lavoro santificando la domenica e partecipando regolarmente all’Eucaristia. Osservate il giorno del Signore come un bene prezioso; sarà così possibile evitare di diventare schiavi del lavoro o dei divertimenti. Nel matrimonio e nella famiglia ricordate le vostre responsabilità gli uni verso gli altri. Santificate la vita del focolare secondo l’insegnamento della Chiesa! Vivete della fede affinché la fede cristiana possa crescere anche nei vostri figli e nei giovani.

Scegliete la vita che Dio vi dà nella Chiesa attraverso Cristo, perché la sua promessa è eterna. Nella vita, date il primo posto ai valori spirituali e religiosi, prima dei valori materiali. Difendete i valori morali fondamentali nella società; solo essi garantiscono una vita comune degna dell’uomo. Chi s’impegna risolutamente in favore del diritto e della giustizia laddove esercita le sue responsabilità personali può anche difendere fermamente le grandi aspirazioni dei popoli e dell’umanità. E colui che lo fa nello spirito di Cristo sa di contribuire alla venuta del regno di Dio nella nostra epoca; nel Padre nostro noi preghiamo specialmente perché questa via venga preparata. Nonostante tutte le minacce reali che la guerra atomica e la degradazione morale fanno pesare sull’umanità, il credente sa a chi alla fine apparterrà il futuro. Il Vangelo dell’Ascensione ce lo annuncia: “Egli tornerà”. Dio è il primo, sarà anche l’ultimo. Gesù è l’Alfa e l’Omega dell’intera storia, colui che è, che era e che viene (cf. At 1, 8).

7. Carissimi fratelli e sorelle, possa la mia visita pastorale, ispirata al tema del Padre nostro, aiutarvi a prendere meglio coscienza della grazia della vostra vocazione cristiana e delle vostre responsabilità. La festa dell’Ascensione dà una forza incomparabile alla preghiera del Signore: celebrando il Cristo asceso ai cieli, tutta la comunità si volge al Padre, come facciamo umilmente ogni giorno nella preghiera che il Signore ci ha affidato.

L’apostolo Paolo ha scritto nella sua Lettera agli Efesini: “Che il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una più profonda conoscenza di lui. Possa egli davvero illuminare gli occhi della vostra mente per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi e quale è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi credenti” (Ef 1, 17-19).

In questo Paese, i testimoni della fede hanno annunciato il Cristo, lui, l’uomo glorificato sulla croce e “seduto alla destra del Padre”. In questo Paese, molte generazioni di uomini hanno ripetuto la preghiera del Padre nostro. Voi stessi l’avete scelto come tema conduttore della visita che sta compiendo tra di voi il Vescovo di Roma, il successore di Pietro.

Questa preghiera sia per voi sempre un sostegno, carissimi fratelli e sorelle: possa essa aiutare la vostra generazione e le generazioni che seguiranno a conoscere Dio più profondamente; possa “illuminare gli occhi del vostro cuore”, affinché nulla vi turbi o vi acciechi; possa rendervi sempre più coscienti “della speranza data a voi cristiani dal suo appello”; possa farvi comprendere “quale regno vi dà la gloria senza prezzo dell’eredità” che Cristo ci ha lasciato, grazie alla sua nascita dalla Vergine Maria; possa farvi scoprire “l’infinita potenza che dispiega per noi credenti”: quella potenza che è stata manifestata dalla sua risurrezione e dalla sua Ascensione.

Gesù Cristo: vero Figlio di Dio! Gesù Cristo: vero uomo, che siede “alla destra di Dio”. Amen.

Fonte: vatican.va

*********

Discorso di S. Agostino nella Basilica di S. Leonzio per l’Ascensione del Signore

Cristo per noi è divenuto uomo.

augustinus Il Signore Gesù, unigenito del Padre e coeterno a colui che lo genera, ugualmente invisibile, ugualmente immutabile, ugualmente onnipotente, ugualmente Dio, per noi, come sapete e avete ricevuto e credete, è divenuto uomo, assumendo la natura umana senza perdere quella divina: nascondendo la sua potenza si è manifestato nella debolezza. Come sapete è nato perché noi potessimo rinascere, è morto perché potessimo non morire in eterno. Subito dopo, cioè al terzo giorno, egli risuscitò promettendo a noi, per la fine dei tempi, la risurrezione della carne. Si manifestò ai suoi discepoli facendosi vedere con gli occhi e toccare con le mani; convincendoli di ciò che era diventato senza lasciare ciò che era da sempre. Rimase con loro quaranta giorni, come avete ascoltato, entrando e uscendo, mangiando e bevendo; non già per necessità ma tutto per potenza. E manifestando ad essi la realtà del suo corpo, nella croce ne fece vedere la debolezza, risorgendo dal sepolcro l’immortalità acquistata.

Ricorrenza di S. Leonzio.

 Oggi celebriamo il giorno della sua ascensione al cielo. Oggi ricorre anche un’altra festa, propria di questa chiesa: la sepoltura di S. Leonzio, fondatore di questa basilica. Ma la stella lasci che venga oscurata dal sole. Perciò continuiamo a parlare piuttosto del Signore come avevamo iniziato. Il servo buono gioisce quando viene lodato il suo Signore.

La festa dell’Ascensione è celebrata in tutto il mondo.

 In questo giorno dunque, cioè nel quarantesimo dopo la sua risurrezione, il Signore ascese al cielo. Noi non abbiamo visto il fatto, però crediamoci ugualmente. Coloro che lo videro predicarono e riempirono tutta la terra [della loro predicazione]. Sapete chi sono coloro che lo videro e che ce lo hanno trasmesso; chi sono coloro dei quali fu predetto: Non è racconto, non è linguaggio, non è voce che non possa essere intesa. Per ogni terra ne corre la voce, ne giunge l’eco ai confini del mondo 1Vennero anche da noi e ci svegliarono dal sonno. Ed ecco che questo giorno vien celebrato in tutto il mondo.

Il Cristo condannato ora è glorificato.

 Richiamate alla mente il Salmo. A chi fu detto: Innalzati sopra i cieli, Dio 2? A chi fu detto? Si potrebbe dire: Innalzati a Dio Padre, che mai si è abbassato? Innalzati tu [o Cristo]; tu che fosti chiuso nel grembo di una madre; tu che sei stato formato in colei che tu stesso hai fatto; tu che sei stato adagiato in una greppia 3; tu che hai succhiato dal suo seno come un qualunque bambino; tu che, mentre reggi il mondo, eri sorretto da tua madre; tu di cui il vecchio Simeone vide la piccolezza ma lodò la potenza 4; tu che la vedova Anna vide poppante e riconobbe onnipotente 5; tu che hai avuto fame per noi 6, hai avuto sete per noi 7, ti sei stancato nel cammino per noi 8, (ma può il pane 9 aver fame, la fonte 10 aver sete, la via 11 stancarsi?); tu che tutto questo hai sopportato per noi, tu che hai dormito e tuttavia non ti addormenti, custode d’Israele 12tu infine che Giuda vendette, i Giudei comprarono ma non possedettero; tu che sei stato preso, legato, flagellato, coronato di spine, sospeso alla croce, trafitto dalla lancia; tu che sei morto e sei stato seppellito: Innalzati sopra i cieli, Dio.

 Innalzati – dice il Salmo – innalzati sopra i cieli, perché sei Dio. Ora siedi in cielo tu che sei stato appeso alla croce. Ora sei atteso come giudice venturo, tu che dopo essere stato atteso fosti giudicato. Chi crederebbe a queste cose se non le avesse fatte colui che rialza il misero dalla terra e dal letame solleva il povero? Lui stesso rialza il suo corpo misero e lo colloca con i principi del suo popolo 13, con i quali giudicherà i vivi e i morti. Ha collocato questo misero corpo vicino a coloro ai quali disse: Sederete sopra dodici troni per giudicare le dodici tribù d’Israele 14.

La Chiesa gloria di Cristo.

 Innalzati perciò sopra i cieli, Dio. Già questo è accaduto, già si è adempiuto. Ma noi diciamo: Come è stato predetto che si sarebbero avverate le parole innalzati sopra i cieli, Dio - noi non lo abbiamo visto ma lo crediamo -, così è davanti ai nostri occhi quel che segue a quelle parole: Innalzati sopra i cieli, Dio e su tutta la terra la tua gloria 15. Chi non vede realizzata la seconda parte (del versetto) può anche non credere alla prima. Che cosa significa infatti: e su tutta la terra la tua gloria se non: su tutta la terra la tua Chiesa, su tutta la terra la tua signora, su tutta la terra la tua fidanzata, la tua diletta, la tua colomba, la tua sposa? La Chiesa è la tua gloria. L’uomo - dice l’Apostolo - non deve coprirsi la testa, perché è immagine e gloria di Dio, mentre la donna è gloria dell’uomo 16. Come la donna è gloria dell’uomo, così la Chiesa è gloria di Cristo.

 Note      1- Sal 18, 4-5. - Sal 56, 12. - Cf. Lc 2, 7. - Cf. Lc 2, 25-32. - Cf. Lc 2, 36-38. - Cf. Mt 4, 2. - Cf. Gv 19, 28. - Cf. Gv 4, 6. - Cf. Gv 6, 35. - Cf. Gv 4, 13. - Cf. Gv 14, 6. - Cf. Sal 120, 4. - Cf. Sal 112, 7-8. - Mt 19, 28. - Sal 56, 12. - 1 Cor 11, 7

Fonte: augustinus.it

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Share

1 comment to Ascensione di Nostro Signore: omelia di Giovanni Paolo II e discorso di S. Agostino

  • [...] Ascensione di Nostro Signore: omelia di Giovanni Paolo II e discorso di S. Agostino Con l’ omelia di Giovanni Paolo II nella solennità dell’ Ascensione di Nostro Signore (Lussemburgo, 16 maggio 1985) e col discorso di S. Agostino nella basilica di S. Leonzio sullo stesso tema termina la pubblicazione dei sussidi per la preparazione liturgica alla prossima Domenica (24 maggio). blog: Introibo ad Altare Dei | leggi l'articolo [...]

Leave a Reply